DILETTA E LA SUA FIGA INFEDELE - Lodi Trasgressiva

DILETTA E LA SUA FIGA INFEDELE - Lodi Trasgressiva

Diletta aveva 43 anni spalmati su un corpo snello e atletico. Max le slacciò il reggiseno accarezzandole le tette ancora abbastanza sode e le passò le mani lungo i fianchi fino alla gonna, facendola cadere a terra e poi tirando fuori il suo membro eretto. A lei piaceva molto leccare la grande “vena” dorsale che correva lungo il cazzo. Amava anche mordicchiare e succhiare i coglioni, la faceva sentire “padrona del gioco”.
Tuttavia, dopo un po', lui la spinse sul letto, avanzando tra le gambe leccò il suo sesso bagnato e fece scivolare le dita in profondità nella sua figa infedele. Le imprigionò il clitoride con la lingua e lei gemette mentre lui la leccava e la baciava. Poi si alzò e si mise davanti a lei facendo scivolare il suo cazzo in profondità nella figa “di suo marito”.
Max immaginò suo marito che la scopava. “Fanculo a suo marito!“, pensò: “Come osa rendere infelice una donna così bella e sexy?”. Lei gemeva sempre di più mentre veniva pompata. Ormai la stava scopando da 12 mesi 4 volte al mese!
Lei si sfilò e lo fece rotolare sulla schiena, poi lo cavalcò scivolando su e giù sul suo cazzo. Le labbra della figa lo avvolgevano come tentacoli mentre da sola si toccava i seni pizzicando i capezzoli eretti.
Lui le teneva i fianchi dicendo parole volgari e offensive, ed emettendo ruggiti di disprezzo. Quando lei gridò raggiungendo l'orgasmo, la insultò ancora dicendo che riempiva la sua figa di troia con il suo sperma.
Subito dopo, Diletta salì per avanzare e chinarsi sulla sua faccia, sapendo che gli piaceva succhiare la sborra dalla figa. Si calò con le gambe aperte. Lui le tenne le guance del culo sollevando la testa tra le sue cosce. Il suo stesso sperma gli gocciolava sul viso. Leccò e succhiò tutto con ingordigia. Nella sua mente contorta, era come leccare e succhiare il suo stesso cazzo.
A sua volta, lei amava ricevere sesso orale dopo aver scopato un uomo che in quel modo leccava anche il suo seme, era un segno di comando, di potere. Finita la “pulizia”, rotolò via da lui. 
Si guardarono l'un l'altra senza parlare, fumarono una sigaretta e andarono in bagno separatamente. Prima lei, poi lui. Si rivestirono, fissarono un nuovo appuntamento per il lunedì successivo, e si salutarono senza nemmeno baciarsi. Lui tornò a casa da sua moglie e dai suoi figli, lei fece altrettanto e, anche la notte la stessa, mise regolarmente la sua figa infedele a disposizione del ricco marito.
FINE

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI